Madonna di Laus

14/05/2015

Il sottoscritto S. G. dichiara quanto segue.

Il giorno 27 Dicembre 2014 ho avvertito un dolore fortissimo all’anca e poiché non diminuiva di intensità,  il giorno 1° Gennaio 2015 mi sono recato al Pronto Soccorso di Carate Brianza, dove  mi hanno riscontrato  un’infiammazione in sede coxo-femorale. Nei giorni successivi, nonostante le cure prescritte ( Voltaren e  Muscoril),   il dolore aumentava; soprattutto durante la notte, urlavo al minimo movimento,tanto era il male che sentivo. Sempre nei primi giorni del mese ho cominciato ad avere la necessità di urinare ripetutamente; ho pensato subito al diabete e così il giorno  8 Gennaio  ho chiesto a mio cognato l’apparecchio per misurarlo. Il valore era oltre 600 ( l’apparecchio è tarato fino a 600, quando il valore è superiore, segnala di andare immediatamente in ospedale).

Pensando si trattasse di un cattivo funzionamento dell’apparecchio, ho riprovato di nuovo a misurarlo, ma  purtroppo  il valore  era identico. A questo punto mi sono rivolto a un mio amico medico che mi ha consigliato di recarmi  subito al Pronto Soccorso; quel valore infatti era troppo alto e costituiva un serio pericolo per la salute. Mi sono rifiutato perché il giorno seguente era venerdì e dovevo essere presente  alla Santa Messa di guarigione dei Malati. Lui si è arrabbiato molto, ma io sono stato irremovibile nella mia decisione. Sabato mattina, 10 Gennaio, mi sono presentato al Pronto Soccorso. Appena entrato mi hanno provato la glicemia con un’apparecchio identico a quello di casa,  il valore era ancora oltre 600. Dopo avermi somministrato diverse dosi di insulina  e idratato per via endovenosa,  hanno eseguito il prelievo del sangue. Verso le ore 11 è arrivato il risultato del prelievo, il valore  era impressionante: oltre 750! Solo verso le ore 15, dopo ulteriori somministrazioni di insulina, i valori erano rientrati in parametri di accettabilità. Sono stato dimesso verso sera con l’obbligo di misurare la glicemia tre volte al giorno; dovevo inoltre  prendere tre compresse al giorno per una settimana, a seguire  quattro compresse di terapia continuativa. La sera, alle  ore 20.40, ho misurato la glicemia con l’apparecchio  e nonostante avessi preso la compressa avevo ancora la glicemia a 377.

Martedì,13 Gennaio,  ho avvertito alcuni disturbi agli occhi, la  vista cominciava a mancare; in alcuni giorni non vedevo da vicino, in altri non vedevo da lontano e in qualche ora del giorno la vista scompariva totalmente.

Martedì 20 Gennaio alle  ore 21, si è svolta come di consueto, la riunione dei Volontari; terminata la Santa Messa ho visto illuminarsi improvvisamente il quadro posto sull’altare che rappresenta  la Madonna di Lourdes con San Luigi Orione e Santa Bernadette. Questo fatto prodigioso è durato circa dieci minuti,  poi la Luce pian piano è scomparsa. Da quel momento il  dolore all’anca ha cominciato ad attenuarsi  fino a scomparire del tutto  nei giorni successivi.

Sono ritornato al Pronto Soccorso Giovedì 22 Gennaio.  Al mattino, alle ore 7,  i valori della glicemia erano ancora alti, 330 e in più la visita oculistica evidenziava una lesione di secondo grado. Mi ritengo fortunato perché il medico mi ha detto che ho rischiato di diventare cieco; comunque, secondo il suo parere, avrei dovuto portare gli occhiali tutta la vita. Il giorno stesso infatti ho acquistato un paio di occhiali con 3,50 di diottria.

Giunge finalmente  il giorno 5 Febbraio.

Mentre  stavo facendo una promessa alla Madonna per  un motivo mio personale, mi sento dire :” Vieni a Ringraziarmi!” Ripeto ancora  la mia promessa  e nuovamente sento:” Vieni a Ringraziarmi!”. Chiedo:” Dove devo venire?” Risposta:”  A  Laus “.

Ho guardato subito su internet e ho scoperto  che questo luogo si trova  in Francia. Sabato mattina, 7 febbraio, prendo la macchina e parto alla volta di Laus.

Arrivo intorno alle ore 12.30.

 Entro in Chiesa, vedo le persone che si segnano con l’Olio Benedetto vicino all’altare dove è apparsa la Vergine Santissima, mi avvicino anch’ io all’Altare,  mi segno con l’Olio Benedetto e  immediatamente recupero la vista!

Ritengo questo un vero  Miracolo perché è avvenuto istantaneamente.

Rientro a casa e con grande stupore  scopro che  anche il valore della glicemia è tornato normale. Ora non assumo più nessun trattamento per il diabete e non porto più gli occhiali.

Ringrazio dal più profondo del cuore la Madonna di Laus per questa duplice  Guarigione Miracolosa.

 

Il Quadro che si è illuminato

Madonna di Laus

Madonna di Laus

Madonna Orione
Madonna di Lourdes San Luigi Orione

Come trovarci

Associazione
Amici nostra Signora di Lourdes
San Luigi Orione

Via Cascina Nuova n° 5
23873    Missaglia ( LC )

Tel. 338 2519542  -  340 0694979  -  039 9241201

Ci troviamo il:
Lunedì - Martedì - Mercoledì - Giovedì e Venerdì -  dalle ore 8,30 alle ore 12,30


Il pomeriggio dalle ore 14 fino alle ore 17 per i soli Malati spirituali telefonare per l'appuntamento.

Tutti i Venerdì sera ore 20,30 Santo Rosario ore 21 la Messa dei Malati
La domenica dalle ore 14,30 fino alle ore 19,30

Aiuta l'Associazione

Sostieni la nostra Associazione con un'offerta anche piccola. Un grazie di vero cuore a tutti i Benefattori. Stiamo cercando una casa per accogliere gli anziani soli. Aiutateci.

Amount
 EUR