Medugorje: il lato oscuro.

La stragrande maggioranza dei medugoriani rifiuta di vedere in modo critico quello che succede in questo luogo, quasi che la Madonna si possa sentire offesa dai loro dubbi e per questo punirli. E’ questo un pensiero condiviso da molti cattolici coi quali ho dovuto fare i conti in questi anni. Il peccato è invece quando, avendo il libero arbitrio, si sceglie di ascoltare più i pseudo-veggenti che non la Santa Madre Chiesa che è guidata dallo Spirito Santo. In passato molti sacerdoti e alcuni vescovi, sono miseramente caduti in questo tranello e la storia è ricca di esempi. 

Personalmente sono però convinto che il fenomeno Medjugorje vada oltre il livello di guardia, e ci siano figure altolocate, dentro e fuori la Chiesa, che spingano per il riconoscimento della soprannaturalità per minare la Chiesa alle sue radici.

Spesso mi sono chiesto come mai alcuni ecclesiastici, sostenitori di questa ‘apparizione’, non abbiano mai tenuto conto di quei messaggi che ‘la Gospa’ avrebbe affidato ai veggenti, contro l’Ordinario del luogo. Ne cito due in particolare: “…Se quello che cerco non avviene, il mio giudizio e il giudizio di mio Figlio attende il vescovo… [Zanic]”(http://www.cbismo.com/files/file/ZanicMedj_Maggio1990.pdf - § 7); e l’altro, ancora più sconcertante: “… Non ubbidite a nessuno!”, rivolto a 2 frati ofm, ribelli al Papa: [ http://www.cbismo.com/files/file/ogledalo_pravde.pdf - pag. 77 -  riportato anche da R. Laurentin in Corpus Chronologique des messages – pag. 306].

 

E’ evidente che non può essere la Madre di Dio ad aver parlato loro.  Ma perché allora sostenere, nonostante tutto, che lì opera veramente il Soprannaturale? 

Chi conosce la storia del fotografo tedesco Walter Furhoff sa che andava a Medjugorje in media una volta al mese, ed era certo che fosse la Madonna ad apparire. Per puro caso, nel 1986, scoprì e fotografò gli autori dei “messaggi celesti”, che altri non erano che il francescano Tomislav Vlasic (ora laicizzato) e alcuni “veggenti” (Ivan e Marija…). Cito il caso perché, a differenza di tante dicerie mai supportate da prove credibili, il card. Ratzinger nel 1998 ebbe a rispondere per iscritto ad una lettera di Furhoff, che gli chiedeva se era vero ciò che si diceva sul Papa Giovanni P. II e su di lui, che erano cioè favorevoli a Medjugorje. Il cardinale rispondeva che le affermazioni attribuite a lui e a Giovanni P. II erano false “…e frutto della fantasia di alcuni” (clicca qui per approfondimenti).

Eppure il giorno dopo aver appreso ciò, i sostenitori del fenomeno continuavano imperterriti ad affermare che il Papa era favorevole a Medjugorje …

Dai frutti si riconosce la pianta.

Fra i più illustri sostenitori di queste apparizioni vorrei citare il defunto mons. Frane Franic, allora vescovo di Spalato; il card. Shobörn, di Vienna; la veggente Marija Pavlovic in Lunetti.

Di loro dirò con pochi esempi.

Mons Franic: era l’unico dei 35 vescovi della ex Jugoslavia, a sostenere il fenomeno. Ma la sua figura diventa sospetta quando si viene a conoscenza che ha sempre avvallato l’idea che “la Chiesa cattolica e la Massoneria raggiungano quell’intesa da tanti auspicata…”! All’indirizzo sotto riportato una foto ritrae lo stesso Franic mentre consegna al Santo Padre il libro “Masonstvo u hrvata” (“I massoni e la Jugoslavia”), nella cui prefazione sta scritto: “Che cosa cerca un uomo contemporaneo quando bussa alla porta di un tempio massonico? (...) Egli cerca la luce, la gnosi, se stesso... Bussa alla porta di un Tempio che comprende tutte le chiese”! Era l’8 febbraio 1984. Ritengo superfluo ogni mio commento. [http://www.chiesaviva.com/398%20mensile.pdf   - pag. 17].

Cardinal Christoph Schönborn: è salito alla ribalta della cronaca medjugoriana, quando dall’alto della sua carica di principe della Chiesa, con suono di trombe e un seguito da fare invidia ad un re, si è recato in quel luogo. Era fine 2009. I sostenitori del fenomeno lo additano come fiore all’occhiello nella speranza di convincere la commissione ad accettare l’evento come soprannaturale; salvo poi rifiutare di riconoscere in lui la stessa eminenza che, solo un anno prima, permise  la mostra blasfema di Alfred Hrdlicka nella sua diocesi di Vienna, mostra che offese la Chiesa e tutto il cristianesimo e per la quale non ebbe mai parole di scuse [ http://www.ilgiornale.it/news/l-ultima-cena-diventa-orgia-gay.html ].

Marija Pavlovic: una dei 6 ‘veggenti’.

Desidero portare l’attenzione su un particolare che mi è rimasto impresso e che pochi stigmatizzano; la sua relazione, cioè, con un certo Terry Colafrancesco, un americano dell’Alabama che si fa chiamare ‘A Friend of Medjugorje’ (l’Amico di Medugorje) . Egli ha formato una comunità e si è arricchito alle spalle di migliaia di devoti medjugoristi, favorito dalle visite periodiche della veggente. La comunità l’ha chiamata Caritas (nulla a che vedere con l’omonimo organismo Cei). E’ stato denunciato da ex aderenti, condannato dall’autorità giudiziaria e disconosciuto dalla Chiesa del luogo. Marco Corvaglia ne dà un resoconto inoppugnabile: [http://www.marcocorvaglia.com/medjugorje/a-proposito-di-marija-parte-2.html ].

Da Medugorje p. Svetozar Kraljevic nel 2000 lanciò un preoccupato segnale d’allarme con una lettera via internet, per mettere in guardia tutti i devoti da questo signore. L’articolo di cui sotto esordiva con questo ammonimento:

“Le persone che vivono in Medjugorje, specialmente molti dei veggenti, le guide ed i sacerdoti, avvisano di stare alla larga dalla Caritas di Birmingham, Sterret, Alabama”…[http://www.medjugorje.ws/it/articles/caritas-of-birmingham/ ].

Una domanda sorge naturale: chi dei ‘molti veggenti’ ha messo in guardia da Terry Colafrancesco? Di certo si sa che da questo personaggio tutti hanno preso le distanze. Tutti meno due: Marija Pavlovic Lunetti e Mirjana Dragicevic Solo della quale la cronaca dice che fu ospite di Terry Colafrancesco il 2 novembre 2006! [http://www.salpan.org/SCANDALI/CARISMATICI/Medjugorje-Corvaglia.htm ].

L’anno in cui fu pubblicata la suddetta lettera di p. Kraljevic (il 2000), la veggente Marija non si recò da Terry Colafrancesco. Gli anni seguenti sì. Molti scudi si levarono in difesa della Pavlovic, dicendo che lei poteva non sapere. Ma sono stati azzittiti dalle dichiarazioni di dissociati. In particolare questa:

"Anche Marija, a Medjugorje, ha saputo da quelli che hanno lasciato, di tutte le bugie e gli inganni di Terry. Tuttavia, è pur sempre umana e da quello che ho notato incontrandola, si sente in obbligo verso Terry per averle decorato casa sua, ecc.... (Ancora, nessuno sa che Terry ha ricevuto oltre $50,000 per portarla qua)...”[http://wap.medjugorje.ws/it/articles/caritas-of-birmingham-a-friend-of-medjugorje-terry-colafrancesco-fleecing-money-deceptions/].

 

Fra le molte testimonianze che si leggono sullo stesso sito interessante è la seguente:

a - «…Un punto sconvolgente fu quando Jack mi disse che nell‘estate del 1987 Terry lo portò al pino nel campo. Terry disse a Jack: "Uno di questi giorni Marija avrà l’apparizione a questo pino. Non so ancora come lo farò, ma ci riuscirò”.

E la Gospa  ubbidì, e il 24 novembre 1988 apparve dove c’era quel pino. Parola di Marija Pavlovic Lunetti, ‘veggente’.

L’amico Marco, medugoriano tutto d’un pezzo, venuto a conoscenza del fatto, cercò chiarezza e  nel 2011 scrisse al Direttore di Radio Maria questa lettera:

 “… Sono rimasto scioccato quando ho saputo che ad arricchire la suddetta organizzazione [Caritas] è stata la sig.ra Marja Pavlovic Lunetti che Lei, rev.do Padre, ospita spesso e volentieri riconoscendola come "veggente di Medugorje".

Desidero chiederLe se sapeva che la sig.ra Marja, nonostante la preoccupazione fondata dei sacerdoti della Parrocchia di Medugorje, il 23 marzo 2011 si trovava proprio lì, alla CARITAS di  Birmingham, Alabama, dove  l'Apparsa ha confortato, rafforzato, caldeggiato l'Organizzazione di Terry Colafrancesco…a continuare nell'"apostolato"...”

A differenza di altre volte Marco non ricevette mai nessuna risposta. E da allora non andò più a Medugorje.

La testimonianza di cui al punto a, continuava, inquietante,  finendo con questa frase di Terry Colafrancesco:

“Tu sai chi viene dopo Nostra Signora? Satana e caos!” Jack disse che Terry era molto eccitato a proposito della parte su Satana e il caos e da quel momento non volle avere più nulla a che fare con Terry».

ElleCi

 

Madonna Orione
Madonna di Lourdes San Luigi Orione

Come trovarci

Associazione
Amici nostra Signora di Lourdes
San Luigi Orione

Via Cascina Nuova n° 5
23873    Missaglia ( LC )

Tel. 338 2519542  -  340 0694979  -  039 9241201

Ci troviamo il:
Lunedì - Martedì - Mercoledì - Giovedì e Venerdì -  dalle ore 8,30 alle ore 12,30


Il pomeriggio dalle ore 14 fino alle ore 17 per i soli Malati spirituali telefonare per l'appuntamento.

Tutti i Venerdì sera ore 20,30 Santo Rosario ore 21 la Messa dei Malati
La domenica dalle ore 14,30 fino alle ore 19,30

Aiuta l'Associazione

Sostieni la nostra Associazione con un'offerta anche piccola. Un grazie di vero cuore a tutti i Benefattori. Stiamo cercando una casa per accogliere gli anziani soli. Aiutateci.

Amount
 EUR